Aumentare le risorse e no a nuovi ticket. Domani il governo risponde a Sinistra Italiana al question time

0
345

Agenpress – “Aumentare le risorse, attualmente insufficienti, per i nuovi LEA e per il Fondo sanitario nazionale rispetto ai 113 miliardi di euro previsti dall’Intesa Stato Regioni del febbraio 2016 e scongiurare l’aumento di nuovi ticket a carico dei cittadini a seguito dell’approvazione dei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza”.

Lo rende noto l’ufficio stampa Gruppo Parlamentare Sinistra Italiana

“Queste le domande che il gruppo parlamentare di Sinistra Italiana porra’ domani al governo nell’Aula di Montecitorio durante il Question time in diretta tv.

In queste settimane temi quali i rischi sulla tenuta del Servizio sanitario nazionale e le scelte del governo sul futuro della nostra sanità pubblica, proseguono i deputati di Sinistra Italiana, sono stati del tutto messi in secondo piano dalla surreale campagna sul Fertility Day della ministra Lorenzin. Una “giostra” non solo mediatica che ha distolto e distratto il dibattito politico, i soggetti interessati, l’opinione pubblica e i cittadini dalla discussione sulle scelte per il futuro del nostro Servizio Sanitario, sull’inadeguatezza delle risorse finanziarie, sulle liste d’attesa, sui ticket, sui pronto soccorso al collasso. In vista della nuova legge di Bilancio si paventano rischi di ulteriori tagli, o nella migliore delle ipotesi, di mancati incrementi al finanziamento del SSN, continua Sinistra Italiana.

A breve il Parlamento esaminerà lo schema di DPCM sui nuovi Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), che andrà a sostituire il decreto del 2001. Per i nuovi LEA la legge di stabilità 2016 ha stanziato 800 milioni di euro, mentre le risorse necessarie a garantire l’esigibilità e uniformità del diritto all’assistenza sociosanitaria e i livelli essenziali sono di circa 3 miliardi di euro. Aumentano le prestazioni da garantire ai cittadini a parità di finanziamento complessivo, e dovendo garantire alcune prestazioni, per esempio i nuovi vaccini (valore stimato 220 milioni anno) si dovrà inevitabilmente tagliare e risparmiare su altre prestazioni e servizi. Che gli 800 milioni stanziati per i nuovi LEA siano insufficienti lo sanno anche le stesse regioni, che hanno infatti chiesto una verifica entro l’anno per valutare il reale impatto economico dei nuovi livelli di assistenza”, conclude Sinistra Italiana.

 

 

Commenti