Voucher. M5S. Governo allo sbando. Radicali. Si è fatto battere in demagogia

0
301

Agenpress – “La capriola del governo è imbarazzante. La sua incoerenza è clamorosa. Farebbero di tutto pur di sopravvivere, evitando il voto popolare. Lo diciamo da anni che lo strumento dei voucher si presta ad abusi. Ora hanno così tanta paura del referendum che preferiscono cancellare tout court uno strumento potenzialmente utile, se ben calibrato”.

Lo dicono i deputati M5S della Commissione Lavoro circa la discussione sui voucher.

“Si poteva piuttosto scegliere da subito una soluzione più pragmatica e responsabile per regolamentare i voucher: un giro di vite su settori e platee in linea con la nostra proposta di legge.  E’ evidente invece che questo esecutivo è allo sbando, in confusione. E non sa che direzione seguire. Prima o poi il responso del voto, comunque, arriverà e per loro non ci sarà scampo”, chiude il M5S Camera.

“Il governo Gentiloni si è fatto battere dalla demagogia e adesso centinaia di migliaia di lavoratori torneranno a lavorare in nero”, si sono aggiunti i Radicali Italiani con una nota.  “E’ bene ricordare infatti che per oltre tre quarti, cioè per il 76,9% dei lavoratori pagati con i voucher – dipendenti, autonomi, studenti, pensionati e beneficiari di ammortizzatori sociali – queste attività rappresentano il secondo lavoro o la fonte integrativa del reddito: una buona parte di loro non avrebbe potuto svolgere questi lavori se non ci fosse stata la legge o avrebbe dovuto farlo in nero. Il lavoro di Marco Biagi, che aveva voluto introdurre anche questo strumento di riforma proprio per far emergere dal nero i lavori occasionali, viene così cancellato con un colpo di spugna”.

 

Commenti