Autostrade. Sciopero ai caselli. Dalle 22 di lunedì 17 per 24 ore

0
720

Agenpress – Sciopero dei casellanti in vista, con possibili complicazioni per gli automobilisti che rientrano dal fine settimana lungo di Pasqua. Tra stasera e domani c’è il rischio di qualche coda alle uscite della rete viaria, a causa dell’agitazione nazionale proclamata dalle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Sla.

Autostrade per l’Italia annota in particolare che potranno verificarsi disagi ai caselli dalle 22.00 di lunedì 17 aprile alle 22.00 di martedì 18 aprile, per la protesta indetta dalle rappresentanze sindacali. Ma per chi andasse a caccia di sconti sul pedaggio, le indicazioni sono differenti. La maggiore concessionaria della rete italiana informa che durante lo sciopero i varchi con pagamento solo manuale potranno essere chiusi per l’assenza degli esattori, mentre rimarranno regolarmente aperti i varchi con cassa automatica e quelli riservati ai clienti Telepass. Saranno comunque garantiti i servizi di assistenza al cliente, con la presenza di personale della Viabilità di Autostrade per l’Italia e il funzionamento degli impianti per il pagamento del pedaggio che, si ricorda, è dovuto per legge. In altri casi, gli operatori optano per l’apertura dei varchi, per evitare ingorghi e complicazioni.

“Qualsiasi disservizio e limitazione della circolazione nel corso dello sciopero dipenderanno dalle scelte dei concessionari di concentrare il traffico ai caselli sui soli varchi regolati da automatismo e queste scelte non possono essere addebitate ai lavoratori ed al sindacato”, dicono i sindacati. “I gestori della rete autostradale potrebbero evitare disagi e tutelare la sicurezza del cittadino lasciando aperti i varchi al casello, anteponendo la sicurezza agli incassi”, chiede ad esempio la Filt Cgil sottolineando che “nessun pagamento è dovuto in caso di passaggio al varco aperto e qualsiasi lettera di pagamento è illegittima, cosi come l’uso della telecamera per verificare chi passa con le barriere aperte durante lo sciopero”.

Lo sciopero nazionale riguarda anche i dipendenti delle altre società concessionarie autostradali: un’agitazione nazionale indetta da Filt Cgil, Cisl Reti, Uiltrasporti, Sla Cisal e Ugl (a Roma, davanti al Ministero dei trasporti, è prevista una manifestazione dalle 11.30 alle 13.30). La vertenza “si incentra sul presidio fisico 24 ore su 24 di tutti i caselli autostradali. Le sigle dichiarano che tale presidio deve avvenire ma alcune società autostradali non lo assicurano in alcuni caselli”. Le autostrade – sottolineano le organizzazioni sindacali – sono un bene pubblico ed è un diritto di tutti usufruirne in modo sicuro. Sono date in concessione ad aziende i cui utili, grazie ai pedaggi regolarmente aumentati ogni anno, non hanno mai risentito della crisi economica. Sorprende dunque tanta resistenza che non trova giustificazione economica, nell’applicare una circolare ministeriale. Un lavoratore presente h24 può intervenire tempestivamente in caso di qualunque necessità, come ad esempio quando una sbarra non funziona. Auspichiamo che gli utenti comprendano le motivazioni del nostro sciopero in quanto loro per primi devono esigere sicurezza e qualità di un servizio pagato caramente”.

Durante l’incontro avvenuto con le parti il 28 marzo scorso il ministero dei Trasporti ha affermato che vige l’obbligo del presidio fisico 24 ore su 24 per garantire la sicurezza. Ma la partita è più ampia e riguarda anche il nodo delle concessioni autostradali, alcune delle quali sono scadute e altre vicino alla scadenza. “È una situazione d’incertezza che – secondo i sindacati – nuoce all’occupazione del settore ma anche alla qualità del pubblico servizio”. Un altro fenomeno che preoccupa i lavoratori è il processo di accorpamento delle concessioni autostradali e delle sedi fisiche delle autostrade, “che può causare tagli all’occupazione”.

Autostrade per l’Italia – per gli aggiornamenti sulla situazione lungo le strade – rimanda ai collegamenti “My Way” in onda sul canale 501 Sky Meteo24 e su Sky TG24 (canali 100 e 500 di Sky e canale 50 del Digitale Terrestre); alla App My Way scaricabile gratuitamente dagli store di Android e Apple; Sky TG24 HD ; sito autostrade.it; RTL 102.5; Isoradio 103.3 FM; attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV Infomoving in Area di Servizio. Indicato infine per ulteriori informazioni il Call Center Autostrade al numero 840.04.21.21, attivo 24 ore su 24.

Commenti