Biotestamento, On. Delia Murer (MDP) finalmente si approva legge necessaria e di civiltà

0
232

Agenpress. Finalmente abbiamo approvato una legge necessaria e di civiltà che garantisce uguali diritti a tutti sul consenso informato e sulle disposizioni anticipate di trattamento. Dopo i tanti dolorosi casi che in passato hanno commosso e diviso il Paese e grazie al lavoro di un pezzo della società che si è mosso a favore del testamento biologico, anche la politica oggi è arrivata ad approvare una legge che garantisce il diritto del paziente a scegliere se e a quali cure sottoporsi, proteggendolo da qualsiasi forma di accanimento terapeutico.

Lo dichiara Delia Murer, deputata di Articolo 1 – Movimento Democratico e Progressista durante le dichiarazioni di voto finali a Montecitorio.

Nonostante l’ostruzionismo delle forze politiche più oscurantiste, prosegue Murer, le Dat garantiscono un diritto mite attraverso una regolamentazione leggera e dopo 70 anni l’articolo 32 della Costituzione trova piena applicazione per cui nessun individuo può essere sottoposto a cure contro la propria volontà.

Con questa legge, continua la deputata di Mdp, il consenso informato non è più una pratica burocratica ma un ulteriore strumento che rafforza il legame tra paziente e medico. Si esce dal paternalismo medico e la scelta sulle terapie e i trattamenti vengono condivise con il paziente sin dall’inizio delle cure.

Sul capitolo che riguarda la deontologia professionale ravvisiamo ancora qualche limite e ci auguriamo che nel passaggio al Senato si possa arrivare ad introdurre il registro nazionale dei Dat che garantirebbero un facile accesso a tutti e tutte e una maggiore privacy. Nel complesso, riteniamo comunque che questa legge rappresenti un passo in avanti sui diritti civili e per questo votiamo a favore.

Commenti