Parigi. Il killer è persona nota ai servizi segreti francesi che “voleva uccidere agenti di polizia”

0
339

Agenpress – La sparatoria sugli Champs Elysees ha causato la morte  un poliziotto ucciso a colpi di kalashnikov e un altro è stato ferito. Anche l’uomo che ha sparato contro gli agenti è morto, freddato dai colpi sparati da altri poliziotti. Per le autorità si tratta “probabilmente” di un attacco terroristico e malgrado la prudenza del governo nelle prime dichiarazioni, tutto – a partire dall’arma utilizzata, una sorta di marchio di fabbrica del terrore in Europa – sembra propendere per il gesto programmato e organizzato per colpire i poliziotti.

Due i poliziotti  morti. La prefettura cittadina ha lanciato un allerta su Twitter, chiedendo di non recarsi nella zona. Il ministero degli Interni ha fatto sapere che l’assalitore è stato ucciso. La polizia ha evacuato tutta l’area.

Il killer è già stato identificato: si tratta di una persona già nota sia alla polizia che al Dgse, i servizi segreti francesi. In una sorta di ‘rivendicazione anticipata’ su Telegram, piattaforma di scambio messaggi, l’attentatore avrebbe scritto di voler uccidere agenti di polizia.

L’assalitore è sceso da un’auto sugli Champs-Elysées ed ha aperto il fuoco contro il furgone della polizia: è quanto ha riferito il portavoce del ministero dell’Interno, Pierre-Henry Brandet. “L’assalitore ha poi cercato di fuggire a piedi, prima di venire abbattuto”.

L’attacco, a colpi di kalashnikov – “una sparatoria violenta”, secondo i primi testimoni -, è avvenuto nei pressi di un grande magazzino “Marks & Spencer”, di fronte alla brasserie Fouquet’s. Un altro assalitore sarebbe in fuga e si sarebbe rifugiato in un garage della zona. L’operazione di polizia per rintracciarlo è ancora in corso. Nuovi colpi d’arma da fuoco sarebbero stati uditi non lontano dalla prima sparatoria.

Nel frattempo si va sempre più concretizzando l’ipotesi che si possa essere trattato di un attacco di matrice terroristica. Le indagini sono infatti state affidate all’antiterrorismo e il portavoce del ministero dell’Interno francese ha fatto sapere che l’obiettivo dell’attacco sugli Champs-Elysees era infatti la polizia.

Commenti