Street bouldering: l’ultima tendenza fitness l’arrampicata in città

0
103

Agenpress. Street bouldering, l’arrampicata in città, da sport di nicchia sta diventando sempre più la nuova del tendenza fitness. Le sue origini partono dall’inizi degli anni duemila quando si diffuse rapidamente in molte città d’Europa con la denominazione di Street Boulder o Urban Climbing, ed ha contestualmente preso piede anche nel nostro paese.

In principio, quasi clandestinamente con modalità simili a quelle di flash mob e solo più tardi con veri e propri contest organizzati in modo legale con la collaborazione di enti pubblici e autorità. L’arrampicata sta diventando uno sport sempre più richiesto e sono sempre più numerose le palestre di roccia nella giungla urbana con dei veri e propri centri attrezzati per questa attività. Ma ci si continua comunque ad arrampicare nei centri urbani su muri, case, colonne, campanili… In pratica un adattamento della pratica del Boulder, la classica arrampicata, al contesto cittadino! Ecco che soglie e cornicioni si trasformano in appigli che permettono di salire e “risolvere” sequenze di movimenti concatenati e dinamici, passando da un capitello a un balcone con guizzi e saltelli più o meno armonici.

Lo street bouldering ridisegna la realtà cittadina, vedendo linee di arrampicata su ogni superficie e trasformando il tessuto urbano in un grande parco giochi. Il regno degli sboccher, così si chiamano i praticanti, continua ad essere la notte, quando si ritrovano in raduni più o meno clandestini convocati via sms o chat e lanciano l’assalto alla città. Pochi lo sanno, ma l’Italia è la guida mondiale della disciplina, grazie al più elevato numero di praticanti e a una rete di organizzazione capillare.

Ogni anno – fin dall’edizione del 2003 a Milano – sul territorio nazionale si tengono diversi Street boulder Contest, vere e proprie gare di arrampicata urbana che arrivano a contare anche centinaia di iscritti, tanto che esiste un apposito sito all’indirizzo www.streetbouldercontest.com ed una pagina facebook “Street Boulder Italia”.

Ad oggi sono tante  le città che mettono a disposizione dei climbers i loro spazi per una o più giornate di puro intrattenimento, sia per chi arrampica ma in particolare per chi assiste. Al di là del divertimento e dei benefici per il benessere psicofisico, trattandosi di attività sportiva che richiede comunque un’ottima preparazione fisica e equilibrio

Essendo nata come disciplina estrema, è soggetta ai rischi connessi alla circostanza che si sfida sempre la forza di gravità e l’altezza e che quindi a parte gli infortuni muscolari, tendinei o ossei che possono normalmente derivare per i carichi cui vengono  assoggettate articolazioni, muscoli e ossa, vi è sempre il pericolo di fare seriamente male a sé ed agli altri in conseguenza di possibili cadute se non si è correttamente assistiti anche in ambiente protetto come nelle strutture appositamente nate o in quelle relative ai numerosi contest che si svolgono sul territorio nazionale.

Giovanni D’Agata

Commenti