Milano. “I marinai baciano e se ne vanno”. Un mito maschile nella photo trouvée

0
314

Agenpress – Nessuno più dei marinai è stato fotografato e si è fotografato esaltando, con il vento favorevole della giovinezza, il mito maschile dell’avventura, della libertà e del coraggio più seducente. Sono tante le immagini della storia della fotografia dedicate agli uomini del mare, primo fra tutti il bacio sorpreso da Alfred Eisenstaedt a Time Square, nel 1945. Ma sono tantissime e splendide a ogni latitudine del mondo, in ogni oceano, in ogni porto, in ogni bar, su ogni spiaggia le fotografie scattate dagli stessi marinai. Un capolavoro di naturalezza, innocenza e intimità che nessun maestro dell’obiettivo ha mai potuto vantare. Queste migliaia e migliaia di scatti formano oggi l’immenso tesoro della photo trouvée.

Seguendo l’esempio di importanti gallerie e musei, Alidem ha voluto dedicare nuove energie a questo magnifico tema del collezionismo internazionale, presentando nella sua galleria di Milano una mostra sul mito dei marinai, raccontato attraverso i piccoli, straordinari capolavori della photo trouvée, o snapshot, o ancora photographie anonyme e vernaculaire.

In una selezione di duecento immagini, dalla fine dell’Ottocento alla metà del Novecento, provenienti dall’Europa all’America, dall’Indocina al Giappone, i marinai-fotografi, armati delle prime snapshot cameras prodotte da Kodak e Agfa, hanno documentato con freschezza e sincerità ogni momento della loro vita. Sono singoli ritratti da spedire alla fidanzata lontana. This is me, I hope you like me, I love you, scrive un marinaio sul retro della foto. E sono ritratti di coppia, tra compagni, simbolo della più affascinante amicizia maschile. Sono libere uscite sui risciò di Saigon e tra le braccia di una hula girl delle Hawaii. E sono grandiose bevute e ricordi di una notte d’amore, perché i marinai baciano e se ne vanno, come scriveva Pablo Neruda in una poesia del 1923, Farewell. E ancora queste immagini sono una mano di poker, uno scherzo tra i cannoni di una nave da guerra, un finto arrembaggio, una parata, un’ora di sole sul ponte di una portaerei, un ritorno a casa per salutare moglie e figli, e poi di nuovo il giro del mondo, le onde, le burrasche, la schiena bruciata e l’infinito del mare negli occhi e nel cuore.

“O marinai si è o non si è”, sentenziava Joseph Conrad dopo aver percorso tutte le acque del globo e tutti i gradi della vita marinara, da mozzo a capitano. E su questo assoluto, su questa unicità spavalda e struggente che non smette di far innamorare uomini e donne, rifletteva anche Lev Tolstoj: “Ormai sono convinto che con la nostra cultura ci proteggiamo dall’enorme vastità del vero sapere e, affaccendandoci entro un piccolo cerchio magico, spesso arriviamo a scoprire con grande sforzo e soddisfazione cose che i marinai sapevano da sempre”.

La mostra presenta inoltre un’ampia selezione di photo trouvée, dedicata alla diffusione del mito dei marinai nella moda femminile e nel cinema.

Inaugurazione

Giovedì 25 maggio, ore 18.30

Milano, Showroom Alidem

Via Galvani, 24

Commenti