Libri. “Il viaggio di Giacomo”, il romanzo di Paolo De Vivo

0
737

Agenpress – “Il viaggio di Giacomo” è un romanzo breve e intenso, scritto in uno stile che avvince, sobrio ed elegante: Il viaggio di Giacomo è un gioiello letterario, in cui l’Autore ha saputo costruire una trama originale e personaggi che possiedono freschezza e autenticità.

Paolo De Vivo si rivela abile narratore per l’efficacia dell’intreccio e delle ambientazioni, per la capacità di unire concetti scientifici e filosofici estremamente profondi e complessi a registri linguistici di volta in volta perfettamente appropriati e chiari,ottimamente comprensibili e lineari.

“Nel testo si mescolano – scrive Ilaria Celestini , critico letterario, specialista in Lingua e Letteratura Italiana – in modo gradevolissimo e coinvolgente riflessioni di tipo esistenziale, momenti di liricità e di profonda spiritualità, dettagli di vita quotidiana, attese, palpiti d’amore universale e insieme anelito terreno: tutto in quest’opera è profondamente umano e al tempo stesso, proprio per questo, intensamente trascendente.

Questo è un romanzo che fa riflettere, e la portata delle considerazioni che suscita va molto oltre il racconto che cattura letteralmente il lettore e lo appassiona all’umanità dei protagonisti e alle loro legittime, comprensibili e universali attese: in primo luogo vi è la tematica della conciliabilità tra fede e ragione, tra scienza e fede, tra la mente e lo spirito.

Scienza e ragione non sono in antitesi con fede e cuore: il progresso non è un mero fatto tecnologico e non è pura erudizione.

Il vero progresso è comunione, e la vera età dell’oro non è quella in cui prevalgono competizione, odio e valori materiali, ma è quella in cui gli uomini, con onestà e realismo, con umiltà e senza fanatismi, nello stupore della contemplazione e nella gioiosa fatica quotidiana dell’azione trovano Dio e se stessi”.

Commenti