Legge elettorale. D’Alema. Ha profili di incostituzionalità, è una schifezza

0
279

Agenpress –  “E’ evidente che questa legge abbia profili di incostituzionalità. Già il Parlamento ha approvato due leggi elettorali ritenute incostituzionali a questo punto al cittadino verrà in mente che è meglio che il Parlamento non faccia più leggi”.

Lo ha detto Massimo D’Alema parlando della legge elettorale, a Palermo. “Questa legge è una schifezza, anche loro ne sono consapevoli, e lo dimostra che una maggioranza che conta 476 parlamentari su 630 ha paura del voto segreto, che è uno strumento parlamentare riservato a pochissime materie, tra cui i diritti fondamentali e politici dei cittadini”.
“Con questa legge elettorale 2/3 del Parlamento sono nominati dai capi partito, saranno eletti per trascinamento: è qualcosa di abbastanza ripugnante”.

“Il governo faccia meno gite elettorali in Sicilia e faccia qualche sforzo in più per la ripresa economica, che è modesta”.  Per D’Alema “la ripresa si basa su bassi salari, precariato e sfruttamento”. “L’accesso dei giovani al lavoro  avviene attraverso stage, tirocini e forme umilianti, sottopagate e senza certezze”.

“Presenteremo i nostri candidati in tutti i collegi in contrapposizione con i candidati del Pd e delle destre”. Massimo D’Alema  ricorda che “questa è la risposta che diede Pisapia qualche tempo fa a Ravenna”. Cosa farà Pisapia? “Non lo so, bisogna chiederlo a lui”, risponde D’Alema.

Commenti