E’ morto Johnny Hallyday. Aveva 74 anni, era malato di cancro ai polmoni

0
378
Johnny Hallyday

Agenpress – Johnny Hallyday, ucciso dal cancro nella notte fra martedì a mercoledì, che ha causato le prime reazioni di tristezza tra i suoi fan, i suoi amici e fino al vertice della politica, l’Eliseo.

A dare l’annuncio è stata la moglie Laeticia: “Johnny Hallyday ci ha lasciato. Scrivo queste parole senza crederci, eppure è proprio così il mio uomo non c’è più, ci ha lasciato stanotte come ha vissuto per tutta la vita, con coraggio e dignità. Fino all’ultimo momento, ha affrontato la malattia che lo stava divorando da mesi, dandoci tutte le lezioni di vita straordinarie”. Anche l’Eliseo ha voluto ricordate l’Elvis francese:

“Tutti noi abbiamo in noi qualcosa di Johnny Hallyday. Di lui – ha detto Emmanuel Macron – non dimenticheremo il nome, la bocca, la voce, o soprattutto le interpretazioni, che, con questo lirismo rozzo e sensibile, appartengono oggi pienamente alla storia della canzone francese” .

Le radio e le televisioni hanno stravolto le loro programmazioni per onorare la memoria dell’artista scomparso.

Hallyday era stato ricoverato un mese fa per problemi respiratori e la notizia della sua morte purtroppo era attesa d un momento all’altro. All’inizio di marzo, infatti, il cantante aveva annunciato di avere un cancro ai polmoni, diagnosticato nel novembre del 2016, che già sapeva essere metastatizzato. Hallyday aveva sfiorato la morte almeno due volte: con un tentativo di suicidio nel 1966 dopo la richiesta di divorzio di Sylvie Vartan, e poi quando era caduto per diversi giorni in coma nel 2009 a causa di complicazioni a seguito di un’operazione.

Considerato l’Elvis di Francia, era un animale da palcoscenico. E fino all’ultimo è stato sotto i riflettori. A giugno e luglio era sul palco con i suoi amici Jacques Dutronc e Eddy Mitchell, per il tour “Vieilles Canailles” (vecchie canaglie), mentre lavorava a un nuovo album. Instancabile, nonostante la malattia diagnosticata un anno fa. La sua morte era attesa anche se i fan si aspettavano il colpo di scena: Hallyday aveva già sfiorato la morte in due occasioni: con un tentativo di suicidio nel 1966 dopo la richiesta di divorzio della prima moglie Sylvie Vartan, e poi quando è caduto per diversi giorni in coma nel 2009 a causa di complicazioni a seguito di un’operazione. Decine di canzoni restano nella memoria collettiva: “Souvenir souvenir”, “Penitenziario”, “Nero è nero”, “Tieni la notte”, “Per me inizierà la vita”, “Ti amo”, “Gabrielle”, “La musica che amo”, “La mia bocca”, “Qualcosa di Tennessee”, “Accendi il fuoco”, “Maria”.

Commenti