Napoli. Muore in attesa dell’ambulanza. Operatore del 118. Se è morto non serve più

1345

Agenpress – Marco D’aniello, 42 anni soffriva di talassemia,  la sera del 3 agosto 2017 è crollato  a terra in stazione centrale a Napoli, vomitava sangue.

‘ Per gli operatori del 118 è un “codice giallo”. Dicono a telefono che non ci sono ambulanze. D’Aniello è affetto da talassemia, vomita sangue. I soccorsi però per mezz’ora rispondono sempre allo stesso modo: “Non ci sono ambulanze”.

La prima chiamata è stata effettuata dalla vigilanza della stazione: “Abbiamo una persona a centro stazione, binario 14 che sta molto male e… caccia sangue dalla bocca”, dice il vigilante. “Se possibile una cosa urgente, perché dice che sta molto male”. “Va bene”, risponde l’operatore. Dopo diversi minuti arriva una seconda telefonata: “Senta noi abbiamo urgentemente… questa persona ha emesso più di 2 litri di sangue dalla bocca”, dice la guardia giurata, “Al binario 14?”, replica l’operatore, “Non ci sono ambulanze”.

Passano i minuti ed è la Polfer a chiamare: “C’è una persona che sta male, che sta vomitando sangue”. “Vabbè… appena si libera qualche ambulanza ve la mandiamo”, dice l’operatore. Arriva una quarta telefonata, stavolta da un passante. “Sentite ma c’è un signore che sta vomitando sangue a Napoli Centrale, la stazione. Lo stanno facendo morire qui a terra. Io penso che già è morto anche…”. “Ah, quindi non serve più l’ambulanza…?”, dice l’operatore.

Segue uno scambio di battute.  “No, come non serve più?”.  “Lei ha detto che è morto”, No, non lo sappiamo ancora. È a terra, ricoperto di sangue. Come non serve più?”, “E lei ha detto che era deceduto, scusate”, “E che sono un medico io?”, “E allora perché dice cose non vere, mi faccia capire. Lei ha detto che è morto. Lei ha detto che è morto. Ha affermato che è morto”, “No, io mica so se è morto”, “Ah vabbe’, sta arrivando l’ambulanza. Arrivederci”.

Secondo un’indagine interna dell’Asl Napoli 1, un mezzo di soccorso disponibile in zona c’era ma non era stato inviato. Gli operatori del 118 in servizio quella sera sono stati temporaneamente sospesi.