New York. Incendio alla Trump Tower. Due feriti. “Piccolo corto circuito”

730

Agenpress – L’incendio è scoppiato intorno alle sette e venti del mattino (ora locale, le 13.20 italiane) sul tetto dell’edificio di 58 piani e alto 202 metri. All’interno non era presente il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha lasciato ieri la residenza di Camp David per tornare a Washington. La costruzione si trova sulla Fifth Avenue, all’angolo con la 56esima strada, ed è la sede della Trump Organisation.

Due persone sono rimaste ferite, una è in gravi condizioni. Il fumo era visibile da diversi isolati di distanza, a Manhattan. E’ servito l”intervento di 80 vigili del fuoco per riportare la situazione sotto controllo. A provocare le fiamme è stato un cortocircuito nel sistema di climatizzazione.

La residenza della famiglia Trump è agli ultimi piani del grattacielo. Al momento del rogo il presidente non era presente nel grattacielo: si trovava a Washington. Come spiegato da fonti dei vigili del fuoco, non si è resa necessaria l’evacuazione. Non si hanno notizie di feriti.

Di “piccolo corto circuito su una torre di raffreddamento della Trump Tower” ha parlato su Twitter Eric Trump, figlio del presidente e vicepresidente della Trump Organisation, che poi ha elogiato l’intervento tempestivo dei vigili del fuoco.