Lombardia. Fontana. Devo incontrare gli alleati. Salvini: l’ho scelto io

611

Agenpress – “Per il momento  non sono nemmeno il candidato, per ora il Consiglio nazionale del mio partito ha formalizzato la mia candidatura alla presidenza della Regione”, “resta ancora da incontrare gli alleati per vedere se anche loro convergono su di me”.

Lo dice, in una intervista alla Stampa, Attilio Fontana, ex sindaco leghista di Varese, che sostituirà Roberto Maroni nella corsa alle Regionali in Lombardia. “Raccogliere l’ eredità di Maroni, “sarà impegnativo,  ma prima di parlare di programmi e contenuti devo confrontarmi con gli alleati. Ho sempre pensato che la forza delle idee non dipenda dal modo di esternarle”.

Fontana spiega che l’incontro con gli alleati dovrebbe tenersi oggi e che “non devo convincere nessuno, soltanto capire se sono disponibili a sostenermi”. Comunque, un incontro con il leader di Fi, Silvio Berlusconi, “per il momento non è in agenda”.

A colloquio anche con il Messaggero, Fontana ammette di riconoscersi nel ritratto che lo descrive come il “leghista borghese, quello che non grida”.

Di Fontana parla ancora Matteo Salvini, che afferma di averlo scelto lui, perché “questi sono gli onori e gli oneri del segretario. Quando ti trovi dalla sera alla mattina a dover risolvere un problema, come in un’azienda, non puoi aspettare nemmeno tre ore  ho valutato chi potesse avere quelle caratteristiche e ho chiamato Fontana. Era in vacanza in Russia con i figli, è tornato subito e mi ha detto: “Me la sento, sono onorato è una bellissima sfida”.