Sestriere. Inagibile il condominio travolto da una valanga. Donna di 70 anni muore in ambulanza bloccata

1390

Agenpress –  Il condominio San Vittorio di Sestriere, travolto nella tarda serata di lunedì da una valanga, è stato dichiarato inagibile La neve è entrata al primo piano e al piano seminterrato dell’edificio, riempiendo porte e finestre e interessando locali comuni, parte degli ingressi e alcuni appartamenti. Nessuno è rimasto ferito: soccorse da carabinieri e vigili del fuoco.

Sono state 69 le persone evacuate, rende noto  la Protezione civile della Regione Piemonte, che continua a monitorare il maltempo, soprattutto nel Torinese. Sono una ottantina i volontari impegnati. Evacuata a scopo precauzionale una persona anche a Perosa Argentina. Allo stato attuale sono attivi 19 centri operativi comunali (COC); il Centro Coordinamento Soccorso (CCS) è stato invece aperto nella notte in Prefettura a Torino.

“Abbiamo temuto un’altra Rigopiano”, ha detto uno dei soccorritori della Croce Rossa. “La struttura non è collassata, è rimasta integra.  La neve è entrata al primo piano e al piano seminterrato, riempiendo porte e finestre e interessando locali comuni, parte degli ingressi e alcuni appartamenti. Ha distrutto le finestre. La neve nei corridoi era più alta, nelle stanze un po’ meno, e la maggioranza delle persone è riuscita ad uscire da sole. I danni sono ingenti”.

Intanto continua a nevicare in Valle d’Aosta, dove diverse località rimangono isolate per il pericolo valanghe, salito fino al livello massimo (grado 5 su una scala di 5). Le zone più colpite dalle intense precipitazioni, con una quota neve che si sta abbassando ai 1.200 metri, sono le valli del Gran Paradiso (Cogne, Rhemes e Valsavarenche), Valgrisenche, Cervinia, la Valle d’Ayas e Gressoney, ultimo paese in ordine di tempo ad aver interrotto i collegamenti.

Un centinaio di persone sono state evacuate dal Villaggio Olimpico di Sestriere, la struttura realizzata per i Giochi del 2006 e oggi adibita a hotel e residence, dopo che una trentina di stanze sono state invase dalla neve caduta da un cornicione. Sul posto stanno intervenendo i carabinieri. Non risultano esserci feriti.

Una donna di 70 anni, colpita da emorragia cerebrale, è morta la scorsa notte a bordo di un’ambulanza che dopo averla caricata a Sestriere è rimasta per alcuni minuti bloccata da un albero caduto sulla strada verso l’ospedale di Susa a causa dell’abbondante nevicata. “I tempi erano strettissimi, dovevamo arrivare in ospedale in 15 minuti, tempistica difficile anche con la strada pulita”, spiega Carlo Florindi, presidente della Croce Rossa di Bardonecchia. Più volte rianimata in ambulanza, la donna non ce l’ha fatta.

“Siamo riusciti a salire al Sestriere – racconta ancora Florindi – ma al ritorno abbiamo trovato la strada bloccata”. L’intervento dei vigili del fuoco è stato immediato, come i tentativi di rianimare in ambulanza la donna, che ha avuto due arresti cardiaci prima del blocco stradale e un altro subito dopo. A bordo era presente un medico. Il verbale del 118 è stato consegnato all’ospedale di Susa. L’Asl To3 ha avviato le verifiche del caso per accertare i tempi del soccorso.