Berlusconi. Centrodestra al 40%. Legge Fornero, mantenere alcune cose. Flat tax, partire dal 23% per arrivare sotto il 20%

1055

Agenpress – Silvio Berlusconi, ospite a Porta a Porta si dice “convinto che il centrodestra avrà la maggioranza superiore al 40%, e avrà una solida maggioranza per governare”. Anzi, il Cav punta più in alto: “Quando ho iniziato la campagna elettorale FI era al 12% ora è al 18%, il mio obiettivo è portare la coalizione del centrodestra al 45%”. E se all’indomani del voto riprenderà a litigare con Salvini? Berlusconi è certo: “Salvini è una persona di assoluta responsabilità”.

“Ove si verificasse quello che a me sembra non possibile si verifichi c’è un solo modo per accordo tra centro destra e sinistra: che la sinistra accettasse in toto il nostro programma. In quel caso accadrebbe in Italia quello che sta accadendo in Germania, con le due parti sedute attorno a un tavolo. Se ci fosse l’accettazione completa del nostro programma si potrebbe andare a realizzare il nostro programma con questa forza politica che si impegna con una firma”.

L’ex premier ha parlato anche di tasse, o meglio della flat tax “sotto il 20%” emersa come proposta dal tavolo del centrodestra. E corregge un po’ il tiro: “Nei nostri conti – spiega – è il 23%, non so come stanno facendo i conti con gli alleati. Io penso che alla fine arriverà ad essere il 20, ma bisognerà partire da quello che è lo scaglione più basso della tassazione attuale, cioè il 23%”. E continua: “I meriti della flat tax ovunque è applicata sono tanti. Comporta semplicità e sentimento di giustizia e consente che finisca quasi completamente l’evasione fiscale”.

“Il jobs act è stato un aiuto positivo per molti, ma con l’introduzione delle misure da noi ideate non sarà più necessario”, rivela poi Berlusconi. Quanto agli ottanta euro, “saranno ricompresi in quello che queste persone ricevono con il reddito di dignità”, ha aggiunto.

La legge Fornero non va cancellata del tutto, dice ancora Berlusconi.  “Abbiamo approfondito l’argomento con i nostri economisti. Alcune cose vano mantenute come sono, come l’età per andare in pensione. Crediamo che sia corretto che salga, ma con il sistema contributivo vogliamo togliere ogni limite quindi se uno vuole andare a 50 anni prende la pensione per quello che ha versato”, è la linea di Forza Italia a proposito della richiesta di Salvini.

“L’Italia è cambiata, si è impoverita, ha una serie di problemi che la tengono lontana dallo sviluppo In Italia un partito ribellista come M5s ha raggiunto percentuali rilevanti e nel mondo si guarda a questa situazione con orrore”, sottolinea poi Berlusconi.
Quanto alla sinistra, l’ex premier la liquida così: “Si è tirata via dalla sfida da sola, oggi la sfida in Italia è una sfida a due: da una parte i Cinque Stelle, dall’altra il centro destra liberale. E’ normale che nel mondo si guardi con favore al centro destra e al suo coordinatore che è Silvio Berlusconi”.