Prezzi. Trentino, Valle d’Aosta e Liguria le regioni più care con una maggior spesa

732

Agenpress – L’Istat conferma i dati preliminari dell’inflazione. Nella media del 2017 i prezzi registrano una crescita dell’1,2% (0,9 su base annua), il carrello della spesa dell’1,5% (1,3 su base annua) ed i beni ad alta frequenza di acquisto dell’1,7 per cento (1,5% su base annua).

“Per una coppia con due figli, la famiglia classica, significa avere avuto nel 2017, in media, una maggior spesa annua complessiva di 469 euro, 116 dei quali se ne sono andati per il solo carrello della spesa e 265 per i beni a maggior frequenza di acquisto, mentre per l’inesistente famiglia tipo Istat da 2,4 componenti, l’incremento dei prezzi dell’1,2% si traduce, in termini di aumento del costo della vita, in 364 euro in più nei dodici mesi, 90 per la spesa di tutti i giorni e 206 per i prodotti acquistati con più frequenza” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

 

Resi noti oggi, invece, i dati relativi all’inflazione dei capoluoghi di regione e delle regioni, in base ai quali l’Unione Nazionale Consumatori ha stilato la top ten delle città più care d’Italia (cfr tabella n. 1) e la classifica delle regioni più costose (cfr. tabella n. 2), in termini di aumento del costo della vita.

Secondo lo studio dell’associazione di consumatori, in testa alla classifica delle città più care, in termini di maggior spesa, si conferma Bolzano, con il picco dell’inflazione, 1,6%, equivalente, per una famiglia da 4 componenti, ad una spesa supplementare su base annua di 895 euro, contro una media per l’Italia di 347 euro. Al secondo posto Venezia, dove il rialzo dei prezzi dell’1,3% determina un aumento del costo della vita, per una famiglia di 4 persone, pari a 608 euro e, terza, Genova, dove l’inflazione dell’1,3% comporta un aggravio annuo di spesa di 582 euro (cfr. tabella n. 2).

In testa alla classifica delle regioni più costose, in termini di rincari, ancora una volta, il Trentino Alto Adige, dove l’inflazione dell’1,2% significa, per una famiglia di 4 persone, una batosta pari a 649 euro su base annua. Segue la Valle d’Aosta, dove l’incremento dei prezzi pari all’1% implica un’impennata del costo della vita pari a 484 euro e, terza, la Liguria, dove l’inflazione dell’1,2% genera una spesa annua supplementare di 483 euro (cfr. tabella n. 3).

Tabella n. 1: Top ten delle città più care, in termini di spesa aggiuntiva annua per famiglia di 4 persone (in ordine decrescente di spesa)

N Città capoluogo Spesa aggiuntiva annua per una famiglia di 4 persone Inflazione
1 Bolzano 895 1,6
2 Venezia 608 1,3
3 Genova 582 1,3
4 Milano 516 1
5 Trento 510 1
6 Aosta 483 1
7 Firenze 451 0,9
8 Torino 404 0,9
9 Bologna 384 0,8
10 Trieste 357 0,9
  Italia 347 0,9

Fonte: Unione Nazionale Consumatori su dati Istat

 

 

Tabella n. 2: Classifica delle regioni più costose, in termini di spesa aggiuntiva annua per famiglia di 4 persone (in ordine decrescente di spesa)

N Regioni Spesa aggiuntiva annua per una famiglia di 4 persone Inflazione
1 Trentino Alto Adige 649 1,2
2 Valle d’Aosta 484 1
3 Liguria 483 1,2
4 Toscana 456 1
5 Abruzzo 443 1,2
6 Lombardia 424 0,9
7 Emilia-Romagna 392 0,9
8 Piemonte 364 0,9
9 Friuli-Venezia Giulia 357 0,9
10 Umbria 355 1
11 Sardegna 339 1
12 Veneto 338 0,8
13 Sicilia 277 1
14 Marche 247 0,7
15 Lazio 229 0,6
16 Puglia 225 0,7
17 Campania 224 0,7
18 Calabria 214 0,8
19 Basilicata 64 0,2
  ITALIA 347 0,9

Fonte: Unione Nazionale Consumatori su dati Istat

Tabella n. 3: spesa aggiuntiva annua per tipologia familiare (valori in euro) – inflazione media 2017

TIPOLOGIA FAMILIARE Spesa aggiuntiva annua per inflazione media 2017 Spesa aggiuntiva annua

per carrello della spesa (media 2017)

Spesa aggiuntiva annua

per beni alta frequenza di acquisto (media 2017)

Famiglia media Istat (da 2,4 componenti) 364 90 206
Coppia con 2 figli 469 116 265
Coppia con 1 figlio 432 107 244
Single tra 35 e 64 anni 281 70 159
Single con meno di 35 anni 247 61 140
Single con 65 anni e più 235 58 133
Coppia senza figli tra 35 e 64 anni 414 103 234
Coppia senza figli con meno di 35 anni 365 91 207
Coppia senza figli con 65 anni e più 377 93 213
Monogenitore con 1 figlio 355 88 201

Fonte: Unione Nazionale Consumatori su dati Istat