Meloni: M5S si adegua a Prima Repubblica. FdI firmerà rispetto vincolo di mandato

720

Agenpress. Le “convergenze programmatiche” di cui parla Di Maio tradiscono due verità.
Primo: il M5S sa che non avrà la maggioranza per governare da solo. Dunque, Di Maio conferma che se il 4 marzo non dovesse vincere il centrodestra ci sarà il caos.

Secondo: nel momento in cui parla di inciuci e accordi, il M5S diventa come un qualunque partito della Prima Repubblica. Noi siamo l’unica garanzia contro ogni inciucio e gli unici a poter dare all’Italia un governo che faccia gli interessi del popolo e non del Palazzo.

In questa legislatura 1 parlamentare su 3 (35,53%) ha cambiato partito. Ci sono stati ben 564 cambi di casacca.

Tra questi deputati, quelli che hanno contribuito a modificare le maggioranze hanno tradito gli italiani, e molti, nel cambiare partito hanno rinunciato a battersi per ciò per cui erano stati eletti. È tempo di cambiare, e con Fratelli d’Italia si può.

Noi vogliamo che i nostri candidati giurino davanti agli italiani che il loro mandato non sarà tradito.
Così i nostri candidati firmeranno assieme al nostro programma anche un impegno al rispetto del vincolo di mandato. In attesa di inserire questo principio di civiltà (se cambi partito, decadi) nella nostra costituzione.