Papa a Forum economico di Davos: “Promuovere la giustizia sociale con un’equa ripartizione dei profitti”

873

Messaggio del Papa al Forum economico di Davos: bisogna dare una nuova direzione al destino del mondo, di fronte alle crescenti povertà.

Agenpress. Di fronte all’allargamento del divario socio-economico, all’aumento delle varie forme di povertà, a nuove forme di schiavitù, causate dalle ricorrenti instabilità finanziarie che i governi devono affrontare, il Papa chiede, dunque, che i modelli economici seguano un’etica di “sviluppo sostenibile e integrale”, che ponga al centro la persona umana e i suoi diritti.

L’appello è a non rimanere in silenzio di fronte alla sofferenza di milioni di persone: serve una responsabilità che coinvolga tutti, cioè “creare le giuste condizioni” perché ogni persona viva in modo dignitoso.

Il mondo imprenditoriale ha un’enorme potenziale per realizzare cambiamenti sostanziali, rifiutando una “cultura usa e getta” e invece puntando ad aumentare la qualità della produttività, a creare nuovi posti di lavoro, a rispettare le leggi che lo regolano, a combattere la corruzione e a promuovere la giustizia sociale con un’equa ripartizione dei profitti.

“Ora è il momento di compiere passi coraggiosi e audaci per il nostro amato pianeta”, suggerisce il Papa perché le decisioni prese saranno decisive per il mondo di domani. I valori autentici devono essere la bussola per un futuro più sicuro, che incoraggi la prosperità di tutti. In sostanza il suo auspicio è che il Forum di Davos si ispiri al desiderio di far progredire il bene comune.