Russia. Fulminata nella vasca da bagno dal suo smartphone

464

Agenpress. E’ rimasta uccisa fulminata dal suo smartphone cadutole nell’acqua mentre stava facendo il bagno. A  trovare la12enne Kseniya priva di vita la madre. Il telefono era attaccato alla corrente attraverso il caricabatterie.

La ragazzina sarebbe morta all’istante. Kseniya era tornata dal suo allenamento di basket e si stava rilassando nella vasca ascoltando la musica. Non sentendola più sua madre è andata a controllare e ha trovato la figlia con la testa sott’acqua.

Il telefono galleggiava nella vasca da bagno. I tentativi di rianimazione sono stati vani. Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si tratta dell’ennesimo caso segnalato e rimbalzato alle cronache circa i rischi connessi all’uso di telefonini e smartphone che sono diventati oggetti insostituibili nella vita di ognuno di noi. Proprio per questo, è necessario che le case produttrici adottino maggiori accorgimenti, anche in termini d’informazione ai consumatori per evitare che si ripetano casi analoghi.