Macerata, Kyenge: “Traini è un terrorista. E’ stato indottrinato dai movimenti politici in cui ha militato”

811

Agenpress. Cecile Kyenge, europarlamentare del Pd, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano – Dentro la notizia”, condotta da Gianluca Fabi e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

“Ciò che è successo a Macerata è grave. Abbiamo chiesto a tutti di abbassare i toni. Bisogna però riconoscere e condannare l’atto di Luca Traini, che sfiora la definizione di terrorismo.

Ho anche denunciato in aula il fatto che ci siano movimenti che costruiscono la loro offerta politica fomentando l’odio e associare in maniera diretta l’immigrazione e il gesto di Traini. Lui ha fatto una cosa grave e deve pagare di fronte alla legge. Bisogna capire come affrontare l’aumento dell’odio, i gruppi fascisti che strumentalizzano le difficoltà economiche e i disagi sociali per aumentare i voti.

Traini e il nigeriano che ha ucciso Pamela devono tutti e due essere puniti severamente. Nessuno può uscire di là con una pena ridotta. Qui si tratta di un attentato ai valori che difendiamo tutti. L’errore più grande che si sta facendo è quello di una semplificazione che rischia di portarci fuori strada, quella di dire: è l’immigrazione che ha portato a questo.

Sono sicura che se fosse in un altro contesto, quell’atto lì sarebbe definito un atto di terrorismo. E’ uno che è stato indottrinato, ha seguito un insegnamento, è appartenuto a un movimento politico, si è candidato con la Lega, aveva un’ideologia in cui credeva. Quindi è troppo semplice dire che è una persona con problemi psichici, un caso sociale. Lui ha commesso un crimine, un atto terrorista, se poi ha problemi mentali quello sarà accertato in un secondo momento. A casa sua sono stati trovati oggetti che lo collegano all’ideologia in cui lo credeva.

Abbiamo sempre parlato di radicalizzazione per i terroristi islamici, come chiamiamo l’indottrinamento di Luca Traini? Tutti i protagonisti di questa storia hanno alle spalle storie di disagi. Tra le tante cause ci sono anche i movimenti politici che incitano all’odio razziale. Non solo la Lega, c’è anche Forza Nuova che ha detto che pagherà le spese legali a Luca Traini. Oggi qualunque partito politico appartenente all’UE deve prendere le distanze da quanto ha commesso Luca Traini”.

 In merito alle dichiarazioni dell’avvocato di Traini. “L’avvocato faccia l’avvocato, difenda il suo cliente anziché fare analisi politiche –ha dichiarato Kyenge-. Associare il caso del suo cliente con l’immigrazione rischia di portarci fuori strada. Il politico faccia il politico, l’avvocato faccia l’avvocato e la magistratura faccia il suo corso.

Non c’è la bacchetta magica, bisogna mettere tutto in fila per trovare una soluzione seria a quanto sta succedendo. Ho letto le parole della maestra che è stata colpita al volto perché aveva rimproverato il suo alunno. Lei ha detto: se questi sono i risultati abbiamo fallito tutti. Non ha fatto scaricabarile come stanno facendo i politici in questa situazione”.