De Falco si difende dalle accuse di aggressione a moglie e figlia. Sono un non violento per natura

731

Agenpress – “Sono un non violento per natura  ma aggredire una donna per me sarebbe un oltraggio, non potrei neppure guardarmi allo specchio. Si è raccontato qualcosa di assolutamente banale che accade in una famiglia che si sta separando. Ritengo sia stata violata la nostra privacy”.

Lo dice al Corriere della Sera il comandante Gregorio De Falco, candidato del M5s, dopo le rivelazioni della moglie sulle presunte violenze in famiglia.

“Abbiamo di nuovo discusso su alcune questioni economiche. C’è stato un litigio e mi sembra che non ci sia nulla di eccezionale in questo. Ma, lo ripeto, io non ho aggredito fisicamente, né mia figlia né tantomeno mia moglie. Semmai ho usato una pacata autodifesa passiva”.

De Falco minaccia di portare “in tribunale coloro che mi stanno diffamando accostando il mio nome ad atti di violenza contro le donne. E aspetto scuse pubbliche da chi ha già infangato il mio nome soprattutto per bassi fini elettorali come stanno facendo alcuni candidati del Pd”.