Assumere vitamina D riduce del 30% il rischio di morte precoce

4666

Agenpress – “La quantità ottimale di vitamina D varia da persona a persona, dipende da dove si vive e dal tipo di dieta che si ha”.

Lo ha detto  Jutta Dierkes, docente del Dipartimento di medicina clinica dell’Università di Bergen, sottolineando come assumere vitamina D può ridurre del 30% il rischio di morte precoce tra i pazienti che soffrono di malattie cardiovascolari.

Sono stati seguiti per 12 anni (a partire dal 2000) 4000 pazienti con questo genere di patologie.  Ad esempio, i paesi nordici raccomandano un’assunzione di 10 microgrammi al giorno di vitamina D, gli USA 15 e la Germania 20.

“Anche se i norvegesi ricevono meno sole rispetto ai tedeschi, i norvegesi hanno più pesce nella loro dieta, mentre l’olio di fegato di pesce e merluzzo sono importanti fonti di vitamina D durante l’inverno, oltre alle attività fisiche all’aperto durante l’estate”, aggiunge il ricercatore.

Dierkes suggerisce a tutti coloro che hanno avuto malattie cardiovascolari di misurare i livelli di vitamina D, in modo che possano essere regolati meglio e che sia valutata la necessità di integratori. “Tuttavia  è importante tenere in considerazione che i livelli variano stagionalmente. I livelli a gennaio o febbraio sono spesso inferiori a causa della mancanza di luce solare”.