Stampa tedesca. In Italia hanno vinto populisti ed euroscettici. Governo impossibile

789

Agenpress – “Le elezioni non portano una maggioranza chiara” e “il panorama politico si trasforma drammaticamente”. “In Italia comincia qualcosa di radicalmente nuovo. Gli italiani hanno dato il loro voto in misura massiccia a partiti di protesta”, Cinque Stelle e Lega, “entrambi euroscettici”.

La stampa tedesca dedica titoli allarmati sull’esito delle elezioni italiane, sottolineando il trionfo di partiti di protesta euroscettici, che possono spaventare l’Ue e i mercati, e rilevando che le opzioni di governo sono al momento quasi inesistenti: il paese che avrebbe bisogno di continuare a fare le riforme, rischia invece lo stallo e l’arretramento.

“I populisti di destra e gli avversari dell’Europa trionfano in Italia”, scrive Die Zeit on line. “Mettere su un governo non sarà possibile”.

La Frankfurter Allgemeine Zeitung mette in prima la notizia: “i Cinque stelle sono avanti in Italia”, e in un commento dal titolo “Il paziente italiano”, nelle pagine di economia, si spiega che “dopo anni di una certa stabilità” il Paese “rischia di tornare ai vecchi tempi con governi deboli e brevi che non potranno affrontare alcuna riforma”.

Nell’analisi si rende atto che con Gentiloni, Renzi e Monti l’Italia abbia “raggiunto alcuni obiettivi”, “ma il lavoro non è finito”. “Se ci saranno dei passi indietro, come alcuni partiti nel chiasso della campagna elettorale hanno annunciato, l’Italia potrebbe scivolare indietro in Europa. Il rischio purtroppo è consistente”. “Cinque Stelle il partito più forte”, scrive la Sueddeutsche Zeitung. “Un’alleanza fra i due sarebbe uno scenario spaventoso per l’Europa. E per i mercati finanziari”. Si rileva che nessun partito può governare, che il Pd ha subito una “chiara storica sconfitta”, e che la Lega ha superato i moderati di Fi. “Il tempo delle certezze svanisce”, è la conclusione.