Boccia (PD). Naturale un appoggio esterno a Di Maio non a Salvini

875

Agenpress – Il partito deve mettere il Presidente della Repubblica “nelle condizioni di trovare una soluzione e la soluzione non può che essere quella di dare un appoggio esterno, vedremo”.

Lo dice Francesco Boccia (Pd), presidente uscente della commissione Bilancio della Camera, secondo il quale dopo le consultazioni, se alla Camera arriva Salvini mi pare naturale dire di no. Se arriva Di Maio mi sembra naturale valutare l’appoggio esterno”.

Boccia spiega che “appoggio esterno, vedremo a quale governo, significa andare all’ opposizione”.

“Mai come ora il Pd ha bisogno di unità e compattezza e di tornare ad ascoltarsi. Noi non chiediamo niente solo di essere ascoltati. La situazione è oggettivamente drammatica, veniamo da una sconfitta sonora, non possiamo apparire come quelli che non hanno la stessa visione”.