UE. L’Italia è tra i Paesi con squilibri eccessivi assieme a Cipro e Ungheria. Debito alto

584

Agenpress – In Italia si registrano “squilibri eccessivi”, tra cui alto debito e una protratta bassa produttività che comporta rischi di “implicazioni transnazionali, in un contesto di crediti deteriorati ancora elevati e disoccupazione”.

Lo scrive la Commissione Ue nel rapporto sugli squilibri. Il debito “si stabilizza ma ancora non ha imboccato un percorso di ferma discesa a causa del deteriorarsi del saldo strutturale”, e lo slancio delle riforme “è in qualche modo rallentato”.

L’Italia è tra i Paesi con squilibri eccessivi assieme a Cipro e Ungheria. Secondo Bruxelles ci sono stati “alcuni progressi” nell’attuazione delle raccomandazioni specifiche di maggio scorso. “Diverse misure sono in cantiere, in particolare nel settore del lavoro e politiche sociali, giustizia civile e ambiente per le imprese”. Inoltre sta “mostrando effetto” lo schema per ridurre gli npl, e la Commissione ricorda anche gli sforzi per ammodernare la pubblica amministrazione e le misure anti-corruzione. Gli squilibri, spiega Bruxelles, si stanno comunque riducendo grazie a “condizioni economiche favorevoli e una riduzione dei rischi nel settore bancario”. “C’è però comunque bisogno di un’attuazione più determinata di politiche”.