Tar Lazio sospende Agcom su giorni gratis come rimborso. UNC: una vergogna!

561

Agenpress. Il Tar del Lazio ha concesso la sospensiva richiesta dagli operatori telefonici in merito alla decisione dell’Agcom che prevedeva, come rimborsi retroattivi per la vicenda della bolletta a 28 giorni, uno sconto da applicarsi attraverso la corresponsione di ‘giorni gratis’ nella fattura.

“Una vergogna! Una sospensione priva di qualunque fondamento ed illogica considerato che l’Agcom aveva provveduto a soddisfare la già assurda e precedente richiesta dal Tar che aveva sospeso i rimborsi in denaro adducendo che era indeterminata la somma da corrispondere” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“L’Authority delle Comunicazioni, sostituendo il rimborso in denaro sotto forma di posticipo della fatturazione, non solo determinava l’ammontare ma annullava anche l’altra motivazione del Tar, secondo la quale il rimborso in denaro appariva in grado di incidere sugli equilibri finanziario-contabili delle aziende” conclude Dona.