Spia russa. Mosca espellerà 60 diplomatici Usa. Rappresaglia contro i paesi occidentali

604

Agenpress – Saranno espulsi da Mosca 60 diplomatici Usa in risposta alla decisione americana di espellere un uguale numero di diplomatici russi per il caso Skripal. Lo riferisce il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov.

“In questi minuti l’ambasciatore Usa John Huntsman è stato invitato al nostro ministero, dove il mio vice Serghiei Riabkov gli sta esponendo il contenuto delle misure di risposta nei riguardi degli Usa. Esse includono l’espulsione dei diplomatici e la decisione di revocare l’assenso per il funzionamento del consolato generale Usa di S.Pietroburgo”, che sarà chiuso.

La portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova ha fatto sapere che la Russia annuncerà “presto” le sue misure di rappresaglia contro i paesi occidentali che hanno dato solidarietà a Londra espellendo i diplomatici.

“Le accuse rivolte da Londra alla Russia per il caso Skripal sono come quelle di detenere armi di distruzione di massa che venivano rivolte all’Iraq di Saddam Hussein”, ha aggiunto   Maria Zakharova. “E’ un fake globale quello che vediamo adesso. E’ già successo prima quando i nostri partner occidentali Londra e Washington hanno fatto vedere a tutto il mondo una provetta, e tutto il mondo ci ha creduto perché l’hanno mostrata al Consiglio di sicurezza dell’Onu. Dieci anni dopo e, scusate, qui cito un esperto del centro Carnegie, tutti sono risultati idioti e poi hanno dovuto scusarsi a lungo”.

Il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, e’ “molto preoccupato” per le crescenti tensioni tra Stati Uniti e Russia, e a suo parere la situazione attuale e’ “simile in larga misura a quello che abbiamo vissuto durante la Guerra Fredda”.