Siria. Onu. Se confermato armi chimiche, è ripugnante. Ma la Russia nega

896

Agenpress – “Le Nazioni Unite non sono in grado di verificare queste segnalazioni  ma  se confermato l’uso di armi chimiche è ripugnante e richiede un’indagine approfondita”.

Lo ha detto il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres,  “particolarmente allarmato” dalle accuse secondo cui sarebbero state usate armi chimiche contro i civili a Duma, in Siria. Lo afferma una nota del suo portavoce, Stephane Dujarric.

Il segretario generale dell’Onu si e’ poi detto “profondamente preoccupato per le rinnovate intense violenze a Duma, dopo un periodo di relativa calma”. Nella nota Guterres invita tutte le parti in Siria a “cessare i combattimenti, ripristinare la calma e rispettare pienamente la risoluzione 2401 del Consiglio di Sicurezza”, ribadendo che “non esiste una soluzione militare al conflitto”.

Non c’è stato alcun attacco chimico in Siria, “alcuni Paesi occidentali” stanno cercando di impedire la ripresa di un’operazione contro l’Isis a Duma e “a tal fine stanno usano il solito argomento preferito dell’uso di armi chimiche da parte delle forze siriane”, ha detto il generale Yuri Yevtushenko ha respinto le accuse su un uso di armi chimiche da parte del regime siriano nell’attacco costato la vita a 70 persone a Duma. Yevtushenko ha aggiunto che la Russia era pronta ad “inviare specialisti in protezione da radiazioni chimiche e biologiche a Duma dopo la sua liberazione dai combattenti, per raccogliere dati che confermerebbero la natura artificiale di queste accuse”.