Divorzio. La moglie deve mantenere il tenore di vita goduto in matrimonio. Lo chiede il Pg in Cassazione

904

Agenpress – In caso di divorzio deve essere mantenuto il criterio del tenore di vita goduto durante il matrimonio. Lo ha chiesto il pg della Cassazione, Marcello Matera, alle sezioni unite della Suprema Corte che devono decidere se confermare o meno il verdetto ‘Grilli’ che ha archiviato il tenore di vita.

Il pg ha chiesto alle sezioni unite di accogliere il ricorso di Lucrezia C. contro il marito Omar C. che in appello nel 2017, dopo la sentenza ‘Grilli’ aveva ottenuto la revoca dell’assegno divorzile da quattromila euro al mese che corrispondeva alla ex moglie. La signora si è rivolta alla Cassazione e il caso è stato assegnato alle sezioni unite. Prima del divorzio, Lucrezia e Omar si erano divisi a metà i sette milioni di valore del patrimonio di famiglia, lui aveva tenuto l’azienda e lei si era fatta liquidare in soldi e appartamenti. In primo grado aveva ottenuto il diritto all’assegno di mantenimento, un ‘beneficio’ toltole in appello e che adesso Lucrezia C. richiede.