Dazi. Lagarde (FMI). Sono ”pratiche commerciali scorrette da eliminare’

493

Agenpress –  I dazi ”potrebbero aiutare ad affrontare gli squilibri globali riducendo la dinamica della spesa pubblica e aumentando le entrate fiscali”, ma non sono la ”strada migliore” per affrontare gli squilibri commerciali. Lo afferma il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale,  Christine Lagarde, rivolta agli Stati Uniti.

”Ogni paese ha la responsabilità’ di migliorare il sistema commerciale guardando alle sue pratiche e impegnandosi a un contesto normativo in cui tutti rispettano le regole”.

Ammettendo che ci sono ”pratiche commerciali scorrette da eliminare”, Lagarde spiega che ”in generale si tratta di squilibri bilaterali che sono uno spaccato della divisione del lavoro fra le economie. Più’ importante e’ il fatto che le pratiche scorrette hanno un impatto limitato sul deficit commerciale complessivo di un paese con il resto del mondo. Gli squilibri sono spinti dal fatto che un paese spende più’ del suo reddito. Il modo migliore per affrontare questi squilibri macroeconomici non e’ imporre dazi ma usare politiche quali gli ”strumenti di bilancio o le riforme strutturali”.