Centri di bellezza. In Italia il 61% dei proprietari è uomo

984

Agenpress- Che la cura di sé sia appannaggio di una clientela esclusivamente femminile è un mito sfatato ormai diverso tempo fa. Ma se i trattamenti estetici hanno conquistato sia uomini che donne, quale dei due sessi guida il mondo della bellezza in Italia? Se lo è chiesto Uala, (https://www.uala.it/), sito e applicazione leader in Italia dedicato al mondo beauty, che per la prima volta ha realizzato un’analisi sui gestori dei saloni nel nostro Paese.

In Italia la bellezza è uomo

In Italia il 61% dei proprietari di saloni è uomo, contro solo il 39% di proprietarie donne. In nessuna delle regioni Italiane le imprenditrici della bellezza superano in numero i colleghi uomini anche se le quote rosa, in fatto di proprietari, salgono in Lombardia, Piemonte e Liguria, dove le donne che possiedono o gestiscono un salone arrivano, rispettivamente, al 42%, 44% e 45%. Più che nel resto d’Italia predominano invece gli uomini a capo del mondo dell’estetica in Puglia, dove le donne sono appena il 31% dei proprietari totali e ancor più in Campania, dove la percentuale in rosa scende al minimo nazionale del 16%.

Un business per giovani

Un’altra evidenza che emerge dall’analisi è che i grandi protagonisti del mondo beauty siano nel nostro Paese per lo più giovani e giovanissimi. Ben il 77% dei proprietari o gestori è composto da persone tra i 18 e i 44 anni, con un 37% composto da ragazzi under 35. Solo il 21% di chi conduce un salone in Italia ha tra i 45 e i 64 anni e appena l’1% supera i 64.

Lo sharing del salone

Uno dei trend di maggiore interesse nel mondo degli imprenditori della bellezza è lo sharing del salone, formula che ha avuto origine negli USA dove riguarda ormai oltre la metà degli artigiani del beauty (51%). Pur di rimanere imprenditori autonomi, sono sempre di più i professionisti che affittano le poltrone di un salone collettivo, in cui condividono lo stesso spazio rimanendo però indipendenti l’uno dall’altro. Se nel Regno Unito e in Russia si tratta già di una tendenza che cresce a doppia cifra, il successo di questa formula si sta diffondendo velocemente anche in Italia e Francia.

Uno sguardo agli operatori della bellezza

Indipendentemente da chi sia a condurre il salone, a chi si rivolgono gli italiani quando devono mettere la cura del proprio corpo e capelli in mano agli esperti? L’estetica sembra essere quasi completamente il regno delle donne: le operatrici di sesso femminile vengono richieste infatti dal 99% delle donne e dall’85% degli uomini. Per quanto riguarda invece il mondo capelli la situazione cambia: se sono le donne a prenotare, le preferenze per un’operatrice donna scendono al 58%, poco di più delle clienti che preferiscono l’estro creativo dei parrucchieri uomini. Le professioniste dei capelli, invece, sono richieste solo dall’11% degli uomini che scelgono di affidarsi ad operatori del loro stesso sesso per la cura della propria chioma.