Gino Bartali  cittadino onorario di Israele. Nel 2013 divenne “Giusto tra le nazioni”

631

Agenpress – Gino Bartali  è stato dichiarato ‘Giusto tra le nazioni’ nel 2013 per aver contribuito alla salvezza di 800 ebrei durante l’occupazione nazista in Italia.  Oggi la notizia che
diventerà cittadino onorario di Israele. Lo ha detto Simmy Allen, portavoce di Yad Vashem, il Museo della Shoà di Gerusalemme, confermando l’anticipazione del sito ‘Pagine ebraiche’.

La nomina, postuma  avverrà in una cerimonia prevista il prossimo 2 maggio, due giorni prima della partenza del ‘Giro d’Italia’ da Gerusalemme stessa.

Durante la Resistenza, Bartali ha aiutato ebrei ed antifascisti facendo la spola con la bicicletta.

“La legge sui Giusti delle nazioni – ha spiegato Allen – consente a Yad Vashem la prerogativa di conferire anche, in casi particolari, una cittadinanza onoraria di Israele a chi fosse ancora in vita, oppure postuma ai suoi congiunti”. Si tratta – ha aggiunto – di una procedura “molto rara” e che “viene usata con il contagocce”. L’ultimo caso che si ricorda a Yad Vashem risale al 2007, undici anni fa. La cerimonia – organizzata secondo Allen insieme all’Ambasciata italiana in Israele – vedrà anche un’esibizione dei ciclisti che parteciperanno al Giro di Italia e subito dopo ci sarà il conferimento della cittadinanza onoraria postuma.