Emergenza Xylella, Dichiarazione Sen. Teresa Bellanova

643

Agenpress. “Chi lamenta di essere stato lasciato solo dal Governo regionale nella gestione dell’emergenza xylella ha tutta la mia solidarietà: la nostra olivicoltura e le nostre imprese agricole avrebbero meritato molto di più e d’altra parte non lo dico io ma lo sottolineano, quasi quotidianamente, le associazioni.

Una Regione amica, impegnata a risolvere le emergenze territoriali, determinata nel costruire ogni giorno qualità del governo, qualità delle soluzioni, qualità dell’interlocuzione istituzionale. Chiedere oggi un decreto al Presidente Gentiloni per l’eradicazione degli ulivi infetti è solo l’ultimo atto di una gestione ordinaria dell’emergenza totalmente insufficiente a dare risposte concrete e rigorose. Oltretutto mi pare che in molte occasioni proprio questo Governo sia stato considerato dallo stesso Presidente Emiliano scaduto. Singolare vero?”, così la Senatrice Teresa Bellanova, VM allo Sviluppo Economico stamane rispondendo ad una sollecitazione nel corso di un incontro con alcuni agricoltori.

“Io sono sicura”, ha proseguito la  VM Bellanova, “che la leale collaborazione tra Governo e Regione Puglia avrebbe potuto, anche in questo caso, produrre effetti molto più positivi perché avrebbe innescato dialogo, sinergia, confronto strategico. Non unanimismo ma confronto. E lo dico considerando i tanti casi in cui, in questi anni, questo è accaduto indipendentemente – come è ovvio – dal colore politico degli interlocutori. Con governatori di centro destra e con governatori di centro sinistra. Che non sia potuto accadere con la Regione Puglia è un grave vulnus e, personalmente, una grande dispiacere. Soprattutto, è una dinamica che ha scaricato sulle popolazioni pugliesi e sui territori un conflitto senza precedenti innescato solo per ragioni di tutt’altro genere.

La nostra porta è sempre stata aperta. Chi governa ha la responsabilità innanzitutto di rispondere della qualità della propria azione, non utilizzare il proprio ruolo in vista di futuri posizionamenti politici. Ora, alla vigilia della visita dei Commissari europei in Puglia, il Presidente Emiliano chiede un decreto d’urgenza per scaricare ancora una volta su altri le responsabilità dell’emergenza xylella nel territorio pugliese mentre sarebbe stata necessaria, con il passaggio alla gestione ordinaria, una strategia complessiva e una pianificazione degna di questo nome”.