Governo. Flick. Su giustizia conflitto con Costituzione. Si sta privatizzando la politica

625

Agenpress – Sul fronte della giustizia “mi sembra evidente una profilo di conflitto con l’articolo 27 della Costituzione e con la funzione rieducativa della pena. Nello stop agli strumenti di deflazione della detenzione, alle misure alternative, vedo l’ assenza di quell’equilibrio costituzionale che non privilegia invece la sola funzione punitiva”.

Lo ha detto l’ex presidente della Consulta Giovanni Maria Flick, intervistato dal Sole 24 Ore, secondo il quale sull’automatismo che considera sempre legittima la difesa della proprietà privata, “l’articolo 3 della Carta sta a presidiare non solo la parità di trattamento, ma anche la ragionevolezza delle scelte del legislatore. Vedremo se sarà considerata legittima la sottrazione di ogni discrezionalità del giudice nel valutare la congruità della difesa del domicilio”.

Per Flick vincolo di mandato, politica neosecuritaria e legittima difesa, sono punti di tensione costituzionale del contratto di programma tra 5 Stelle e Lega, che va “nel segno di una forte privatizzazione della politica”.

La forma del contratto tra privati non è più idonea per un programma di governo, “soprattutto se letta insieme alla previsione di una sorta di vincolo di mandato. Rientra in quella linea di mortificazione del Parlamento e di discutibile sottolineatura della centralità dei partiti”.