Governo. Pinelli (Costituzionalista). Mattarella ha agito nell’ambito delle sue prerogative

3075

Agenpress – “La messa in stato d’accusa del Capo dello Stato”, spiega il docente, “può avvenire solo per alto tradimento e attentato alla Costituzione (articolo 90). Non ci sono minimamente gli estremi nel caso del capo dello Stato, anzi, c’e’ da chiedersi quanto siano conformi alla Costituzione certe dichiarazioni dei politici che le fanno”.

Lo spiega Cesare Pinelli, docente di Diritto Costituzionale alla università La Sapienza di Roma, per il quale  “il presidente della Repubblica si è mantenuto nell’ambito delle sue prerogative sia in questi giorni e particolarmente nella giornata di oggi. L’ipotesi di una sua messa in stato d’accusa è completamente al di fuori della Costituzione”.