Governo Cottarelli: dichiarazioni di Fedriga, Zaia e Toti

592
Agenpress. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha dato l’incarico a Carlo Cottarelli di formare un nuovo governo. Con pochi ministri Cottarelli dovrebbe presentarsi in Parlamento con un programma che porti l’Italia al voto.
Per il Presidente del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, l’incarico a Cottarelli “sembra l’opposto del volere espresso dai cittadini il 4 marzo. Uomo del Fondo monetario internazionale, che quindi sta all’interno di logiche che non non mi sembra rappresentino il volere di cambiamento dei cittadini espresso alle scorse elezioni politiche”.
“Penso che questa sia la direzione”, afferma il presidente della regionbe Veneto, Luca Zaia, alla domanda se salterà l’alleanza di centrodestra nel caso in cui Forza Italia desse la fiducia a Cottarelli: “noi non cerchiamo la rissa. Ho un ottimo rapporto con i miei compagni di viaggio in Regione, lo ho da anni e voglio confermarlo. Però è pur vero che se le strade si separano davanti ad una vicenda come questa, immagino sia difficile poi tornare a farle riunire”.
E il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, chiarisce che “Forza Italia lo aveva già detto anticipatamente che non avrebbe votato la fiducia a Governi tecnici, di scopo o comunque qualificati, che non fossero politici”.
“Credo che l’orizzonte delle elezioni anticipate – afferma Toti – ormai sia chiaro a tutti, ma occorre arrivarci conuna legge elettorale che davvero consenta la governabilita’ e la possibilità agli italiani di scegliere e che consenta alle famiglie di guardare al futuro senza l’incubo di un aumento dei prezzi al consumo che gelerebbe quel refolo di ripresa che abbiamo nel Paese”.