Governo. Renzi. Si andrà presto al voto. Salvini ha usato Savona come alibi

734

Agenpress – “Si andrà molto presto alle Elezioni, frutto dell’incapacità di governare di Lega e Cinque Stelle. Sarà una battaglia incredibile tra chi vuole uscire dall’Europa e chi vuole un’Italia forte ma dentro l’Europa. Sarà una battaglia tra chi combatte sulla base di fake news e chi porterà numeri, fatti, argomenti. Sarà una battaglia tra chi mette in discussione l’appartenenza atlantica dell’Italia e chi non vuole cambiare una linea di politica estera che l’Italia segue da 70 anni”. Così Matteo Renzi nell’e-news.

“Alle elezioni del 4 marzo nessuno aveva proposto l’uscita dall’Euro. Non c’è nessuna maggioranza tra gli italiani che si sia espressa a favore dell’uscita dall’Euro. Gli unici due esponenti che hanno ipotizzato questa ipotesi sono stati i parlamentari leghisti Bagnai e Borghi. Bagnai è stato sconfitto nel collegio di Firenze dal sottoscritto. Borghi è stato sconfitto nel collegio di Siena da Padoan. Chi vuole uscire dall’Euro lo deve dire prima delle elezioni, non dopo”.

“Ipotizzare l’uscita dall’Euro, con un piano B studiato anche dal candidato Ministro, ha creato un disastro finanziario per l’Italia. L’ipotesi di non restituire 250 miliardi di Euro di debito pubblico, l’idea di creare una sorta di moneta parallela ha dato l’idea di un Paese allo sbando. Il presidente della Repubblica ha esercitato le sue prerogative costituzionali come tutti gli altri suoi predecessori hanno fatto in più di una circostanza e io ne sono testimone anche personale. La Costituzione va almeno letta”, prosegue. “Mattarella era pronto a firmare la nomina per il Ministero dell’Economia per il braccio destro di Salvini, Giorgetti. Ma la Lega non ha voluto. Savona ha un curriculum diverso dall’identikit del grillo-leghista: banchiere di lungo corso, uomo che ha partecipato ai convegni Bilderberg, esponente della finanza internazionale, professionalmente coinvolto in vicende come Impregilo, il ponte sullo Stretto, il Mose di Venezia. Perché Giorgetti no e Savona sì? Cosa c’è sotto? Salvini ha usato questa vicenda come alibi perché preferisce fare campagna elettorale sulla pelle degli italiani, ma non vuole governare”.