Migranti. Guenther Oettinger. Non si possono lasciare le persone in mare

423

Agenpress – “Per noi europei c’è un obbligo chiaro di rispettare la dignità delle persone e prestare aiuto. Per questo non si possono respingere persone che sono in mare, men che meno metterne a rischio le vite. Viceversa questo significa la necessità di una maggiore solidarietà di tutti gli europei, in questo caso nei confronti di Italia e Malta. La Spagna lo ha fatto; verso le persone a bordo dell’Aquarius e verso altri Paesi membri”.

Così il tedesco Guenther Oettinger, commissario europeo per il Bilancio, in una intervista al ‘Corriere della Sera’, rispondendo sulla vicenda Aquarius. Interpellato sulle regole di Dublino sull’immigrazione, il commissario spiega che “stiamo provando a cambiarle. Furono pensate in un periodo nel quale molte meno persone volevano venire in Europa, in cerca d’asilo, in fuga da guerre civili o anche solo per ragioni economiche. Dal 2015 la questione dei rifugiati ha dimensioni molto pù ampie e per questo abbiamo bisogno di più solidarietà europea. In primo luogo verso i Paesi come Italia, Grecia, Malta, Cipro, Spagna, che per ragioni geografiche sono quelli di maggiore arrivo delle ondate migratorie”.