Ballottaggi. Successo del centrodestra, centrosinistra sconfitto. M5S perde Ragusa

414

Agenpress – Avanza il centrodestra, centrosinistra in crisi, M5s che vince solo ad Avellino. Queste le tendenze emerse dai dati dello spoglio delle schede per i ballottaggi delle elezioni amministrative nei 16 capoluoghi in palio. Un voto che ha visto l’affluenza in ulteriore calo. Il dato definitivo del Viminale indica che in 67 comuni su 75 ha votato appena il 47,61% degli aventi diritto, a fronte del 60,42% di votanti al primo turno del 10 giugno scorso. Non sono compresi gli 8 Comuni della Sicilia dove l’affluenza viene rilevata in modo autonomo dalla Regione, e il III municipio di Roma, gestito dal Comune.

Il nuovo appuntamento con le urne ha riguardato oltre 2 milioni e 793 mila italiani chiamati al ballottaggio per l’elezione del sindaco in 75 comuni e nel III municipio di Roma Capitale. Si tratta di Comuni con popolazione superiore ai 15mila abitanti, quelli nei quali per essere eletti al primo turno bisognava avere ottenuto il 50 per cento più uno dei voti. Il secondo turno elettorale coinvolge ben 14 dei 20 capoluoghi di provincia in cui si era votato il 10 giugno. In 29 casi il centrodestra è in vantaggio, in 20 lo è il centrosinistra, i Cinque stelle concorrono in tre città (Ragusa, Avellino e Terni), senza contare le Liste civiche.

A Terni si va delineando la vittoria del centrodestra con il candidato sindaco Leonardo Latini, militante della Lega. Quando sono state scrutinate 66 sezioni su 129 Latini ha ottenuto infatti il 62,87% dei voti. Al 37,13% dei consensi invece Thomas De Luca, del Movimento 5 Stelle.  A Sondrio trionfa il centrodestra con Marco Scaramellini al 60% mentre Nicola Giugni si ferma al 40%. Un vero e proprio ribaltone quello avvenuto in Toscana dove Pisa, Siena e Massa passano in blocco al centrodestra. A Pisa il nuovo sindaco è Michele Conti candidato di Lega, FI e FdI, che ha battuto Andrea Serfogli. A Siena Luigi De Mossi, quando mancano solo 5 sezioni è al 51,03%  ha superato il sindaco uscente Bruno Valentini (Pd) fermo al 48,97%. A Massa Francesco Persiani al 56,74% (manca solo una sezione) supera Alessandro Volpe, sindaco uscente, fermo al 44%.

Il centrosinistra strappa Brindisi al centrodestra: Riccardo Rossi è in testa con il 56,2% su Roberto Cavalera al 43,8% quando sono state scritunate 78 sezioni su 80. E sempre il centrosinistra ha confermato al ballottaggio il sindaco di Ancona Valeria Mancinelli. Quando resta da scrutinare una sola sezione su 100, il vantaggio del sindaco uscente che ha ottenuto il 62,74% è incolmabile.

M5s si avvia a perdere il comune di Ragusa, amministrato negli ultimi cinque anni. A oltre metà delle sezioni scrutinate, il candidato Giuseppe Cassì, sostenuto da liste civiche e da FdI, è in vantaggio di dieci punti su Antonio Tringali del M5s. Il Movimento 5 Stelle strappa invece al ballottaggio il sindaco di Avellino al centrosinistra. Quando restano da scrutinare 3 sezioni su 72, il vantaggio del candidato M5s Vincenzo Ciampi su quello del centrosinistra Nello Pizza è incolmabile.