6mila a profugo? Salvini. Dall’Europa non vogliamo elemosine. Ognuno ci costa 40-50mila euro

680

Agenpress –  “Centri controllati” nei Paesi Ue “su base volontaria” per migliorare le procedure di asilo e accelerare i rimpatri degli irregolari. E’ la proposta della Commissione Ue inviata alle capitali e che prevede sostegno finanziario agli Stati che accettano di ospitare i centri. Inoltre, i Paesi che accettano il trasferimento dei migranti sbarcati in uno dei centri controllati riceveranno 6mila euro per ogni profugo.

“Se vogliono dare soldi a qualcun altro lo facciano, l’Italia non ha bisogno di elemosina”, replica il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

“L’ipotesi non esiste. L’Italia non chiede l’elemosina, anche perché nel corso del tempo ogni richiedente asilo costa tra i 40mila e i 50mila euro”. Dunque Bruxelles, ha aggiunto il ministro, “l’elemosina se la può tenere. Noi vogliamo chiudere i flussi in arrivo per smaltire l’arretrato di centinaia di migliaia di presenze. Non chiediamo soldi ma dignità e ce la stiamo riprendendo con le nostre mani”.