Istat: retribuzioni + 2% su base annua

518

Agenpress. Secondo i dati Istat resi noti oggi, a giugno l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie è aumentato del 2% nei confronti di giugno 2017.

“Era ora! Finalmente, grazie ai rinnovi contrattuali e alla fine del blocco degli stipendi dei dipendenti pubblici, fermi dal 2010, risalgono le retribuzioni e i lavoratori vedono riconosciuto il loro sacrosanto diritto a veder adeguata la busta paga all’aumento del costo della vita” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Peccato che in questi anni di blocchi contrattuali le famiglie si siano sempre più impoverite e che ora non hanno certo recuperato quanto hanno perso durante questi anni di crisi e di mancati rinnovi” prosegue Dona.

“Proprio quando, per via della recessione, avrebbero avuto più bisogno di un sostegno, questo è venuto a mancare. E’ giunto, quindi, il momento di intervenire a livello legislativo, ripristinando meccanismi automatici, come la scala mobile all’inflazione programmata” ha concluso Dona.