Don Marco Scandelli, il parroco che condanna la pedofilia ma incita a fare sesso con gli animali

1966

Agenpress – Le parole di don Marco Scandelli che per combattere la pedofilia diffusa tra i sacerdoti invita i preti al limite a far sesso con un animale sono orribili e mettono in evidenza ancora una volta come nella chiesa gli animali siano considerati alla stregua di oggetti e che per loro non vi sia alcuna pietas e alcun riconoscimento del loro essere creature di Dio. Chiediamo che don Marco Scandelli si scusi pubblicamente per quanto dichiarato e che intervenga in maniera chiara anche il suo vescovo per condannare le parole fuorvianti di questo che dovrebbe essere un sacerdote della Chiesa ma rappresenta almeno in queste affermazioni l’essenza stessa del male. Giustissimo ed ovvio condannare la pedofilia, ma arrivare a sostenere come rito sessuale alternativo la zoorestia è altrettanto vergognoso e abominevole”. Queste le dure parole di condanna del presidente di AIDAA alle dichiarazioni di Don Marco Scandelli parroco di Borgo Maggiore nella repubblica di San Marino che in diversi post nel tentativo di condannare la pedofilia di cui sono colpevoli diversi sacerdoti arriva a giustificare anzi a incoraggiare il sesso con animali. L’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente sta valutando anche le opportune iniziative di natura giudiziaria contro le parole del prete di san Marino.