Nuova Zelanda: troppe speculazioni, vietata vendita di immobili agli stranieri

654

Agenpress. La Nuova Zelanda vieta la vendita di case agli stranieri. La drastica decisione di Wellington arriva dopo le speculazioni e l’aumento di compratori dall’estero che hanno fatto crescere smisuratamente i prezzi degli immobili, con punte di almeno il 50 per cento.

Il provvedimento é stato approvato in terza ed ultima lettura dal parlamento che, comunque, non vieta gli investimenti stranieri per la costruzione di nuove abitazioni, nell’ottica di aumentare le case disponibili. Negli ultimi dieci anni i prezzi delle case sono cresciuti del 50% in Nuova Zelanda, mentre il numero di proprietari di case è sceso al livello più basso degli ultimi 65 anni.