Crollo ponte. Moscovici (UE). Per le infrastrutture già molte risorse. Il Governo dia priorità

343

Agenpress – “Ci sono già molte risorse” per le infrastrutture tra fondi strutturali Ue, Piano Juncker e quello italiano per le autostrade, “penso che il problema sia dare le priorità per il loro buon uso”.

Così il commissario Ue agli affari economici Pierre Moscovici sul piano del Governo per le infrastrutture fuori dal Patto di stabilità dopo il crollo del ponte Morandi.

“Esamineremo la legge di stabilità in base alle regole” e “con un occhio al debito”, e su questo “continuerà il dialogo costruttivo con Tria”.

“La Commissione Ue è sempre stata a fianco dell’Italia per favorire il finanziamento delle infrastrutture 2,5 miliardi di fondi strutturali nell’ultima fase”, poi “i 12 miliardi del Piano Juncker” e “l’approvazione lo scorso aprile da parte della Commissione del piano da 8,5 miliardi” dell’Italia per migliorare la rete autostradale. Ora sul fronte della legge di bilancio “esamineremo la bozza di bilancio dell’Italia sulla base delle regole che devono essere rispettate da tutti i Paesi” e “con un occhio al debito che è molto alto”, in quanto “gli stati che si indebitano si impoveriscono”.

“Ho sempre avuto un dialogo molto costruttivo con i ministri delle finanze italiani”, e questo, è un lavoro che ho cominciato con il ministro Tria e che continuerò con lui”.