Antonella Cortese (Aispis): Stupro di gruppo ai danni delle due ragazzine quattordicenni evidenzia necessità task force di scala nazionale a tutela di tutte le donne

369

Agenpress. Apprendiamo oggi la notizia della condanna a 6 anni di carcere per Mario Seferovic e a 5 anni e sei mesi per Bilomante Maikon Halilovic, due ventenni di origine bosniaca protagonisti di uno stupro di gruppo, avvenuto il 10 maggio 2017 nei pressi di un boschetto nella zona Collatino, periferia est di Roma, ai danni due ragazze di 14 anni.

Un gesto deplorevole che conferma la necessità di una task force istituzionale che tuteli le donne, in particolare quelle ancora in età scolastica, da violenze scriteriate e disumane, lontane dal concetto di civiltà che dovrebbe essere alla base del vivere civile.

Prendendo atto della decisione del gup Maurizio Silvestri di non accogliere in toto le richieste del Procuratore aggiunto Maria Monteleone, che aveva chiesto per i due una condanna ben più severa, a 10 anni, confidiamo che la certezza della pena sia garantita e che la disposizione del giudice circa l’obbligo per i due uomini, al termine della condanna, di informare le autorità sui loro spostamenti per un anno, venga effettivamente adempiuto.

Come Aispis richiediamo nuovamente e con urgenza un tavolo di confronto istituzionale per stilare una strategia efficace su scala nazionale, perché delitti di tale portata non si ripropongano più.

Così in una nota la criminologa Antonella Cortese, segretaria generale della Aipsis, Accademia Italiana delle Scienze di Polizia Investigativa e Scientifica.