Vaccini. Scaccabarozzi (Pres. Farmindustria): “Cinicamente dovremmo essere contro i vaccini perché prevengono le malattie”

441

Agenpress – “Credo che l’industria del farmaco abbia solo un dovere: fare ricerca, scoprire vaccini sicuri ed efficaci e metterli a disposizione.  Poi sono i governi a fare le politiche. Dicono che più vaccini si fanno più ci guadagniamo? Per assurdo, l’industria farmaceutica dovrebbe essere cinicamente contro i vaccini perché per ogni euro che lo Stato spende per le vaccinazioni, si risparmiano 16 euro per curare chi non ha fatto i vaccini. Lo Stato ogni anno fissa una spesa massima per la spesa farmaceutica in Italia. Siamo l’unico settore che quando questa spesa viene superata, e viene superata da qualche anno, i farmaci deve continuare a darli perché se i medici li prescrivono vuol dire che servono ai malati ed eticamente noi continuiamo a darli. A fine anno lo Stato ha speso di più? Le industrie restituiscono le eccedenze nonostante abbiano venduto più farmaci. Questo non lo sa nessuno”.

Lo ha detto Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano – Dentro la Notizia” condotta da Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

Sugli antivax. “Bisognerebbe tornare a lasciare lavorare chi ha le competenze –ha dichiarato Scaccabarozzi-. Io non mi metto a sindacare su quello che il mio medico mi dice di fare. Alcuni mezzi di informazioni pubblicano di tutto, sui social ci sono notizie attendibili e non attendibili, spesso quelle non attendibili sono di più. Io, una volta che mi sentivo male, ho fatto una ricerca su Google per verificare i miei sintomi e ho scoperto di essere morto tre giorni fa”.