Presidente Regione Calabria Mario Oliverio: “Il modello Riace fa paura”

591

Agenpress. «Vedrete finirà tutto in una bolla di sapone. Conosco bene Mimmo Lucano e sono sicuro che saprà dimostrare la sua innocenza. La verità e che il modello Riace fa paura a chi vuole solo alimentare le paure della gente».

Mario Oliverio è appena sceso dalla scaletta dell’aereo al termine di un viaggio istituzionale in Canada e Stati uniti quando apprende dell’arresto del sindaco di Riace.

In passato il presidente della Regione Calabria si è più volte schierato in difesa del Sindaco Mimmo Lucano e dell’esperienza vissuta nel piccolo paese rinato grazie alla presenza dei migranti.

Certamente. Non ho ancora avuto modo di approfondire e quindi non conosco il merito delle contestazioni, conosco però Lucano e so bene chi è: una persona che ha speso la sua vita per gli ultimi, per dare dignità a uomini, donne e bambini che hanno attraversato il Mediterraneo per approdare in Calabria o in altre parti del nostro Paese.

Lucano è un uomo che ha sacrificato tutto per questa causa, una persona onesta che vive in una condizione di povertà. Ma conosco anche Riace. La conoscevo prima, quando era un paese svuotato con un patrimonio edilizio lasciato nell’abbandono e nel quale erano rimasti pochi anziani.

Oggi invece Riace ha trovato nuova vita grazie alla coesistenza tra diverse etnie, ma anche i giovani del paese hanno trovato un lavoro e quindi la possibilità di rimanere, di non dover scappare. «Un modello vincente, per questo dà fastidio»