Salvini. La Germania vuole inviarci decine di migranti? Chiudiamo gli aereoporti

444

Agenpress – “Se qualcuno, a Berlino o a Bruxelles, pensa di scaricare in Italia decine di immigrati con dei voli charter non autorizzati, sappia che non c’è e non ci sarà nessun aeroporto disponibile. Chiudiamo gli aeroporti come abbiamo chiuso i porti“.

Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, parlando dell’eventualità che a ottobre la Germania sarebbe intenzionata ad accelerare coi rientri e si starebbe organizzando per rispedire in Italia due charter pieni di migranti approdati sulle nostre coste e identificati dalle nostre autorità prima di entrare in territorio tedesco. Il primo volo sarebbe già programmato per martedì 9 ottobre.

Roma e Berlino discutono da tempo di un accordo sui movimenti secondari, ma la firma non è ancora arrivata. “Io non firmerò nessun accordo, finché la Germania si fingerà sorda e non entra in merito alle nostre richieste”, spiegava Salvini il 28 settembre in un’intervista al quotidiano viennese Die Presse. “Non firmo accordi a pezzetti. L’accordo da settimane è sul mio tavolo, ma non ho ancora firmato nulla”, spiegava ancora il capo del Viminale. “Abbiamo sempre detto alla Germania che l’accordo può solo essere parte di un’intesa più ampia, che vogliamo riformare Dublino e le regole per le navi che soccorrono migranti”. “La questione – proseguiva Salvini – è passata nelle mani della cancelliera Merkel che si occuperà delle trattative”.