Lavoro, Mancini (Fesica Confsal): “Intenti di Di Maio uguali ai nostri”

705

Centri Impiego strumenti chiave per il futuro dei nostri figli


Agenpress. “Le parole a margine del Tavolo della Moda al Mise del vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Di Maio, sul rafforzamento dell’incrocio tra domanda e offerta in tema di migliore funzionalità dei centri per l’impiego, collineano con quanto affermato, in qualità di consigliere Confsal, nella recente audizione in commissione Lavoro in Senato”.

Così il vice segretario generale della Fesica Confsal Alfredo Mancini, che specifica: “è necessario che la dualità tra pubblico e privato debba realizzarsi anche attraverso lo sviluppo della bilateralità che, appunto, facilita per natura l’incrocio tra domanda e offerta”.

“Anche gli investimenti sulla formazione annunciati dal ministro – aggiunge Mancini – potranno servire a far ottenere un rapporto virtuoso ed efficiente tra funzione pubblica e funzione privata che, oggi, manca e che rappresenterebbe una pratica importante per il futuro del mondo del lavoro italiano. Oggi, più che in passato, il nostro paese ha ampi margini di miglioramento e, se gli intenti di Di Maio si concretizzeranno, varranno la giusta funzionalità dei centri quali strumenti chiave importantissimi per i nostri figli e le future – conclude il vice segretari nazionale di Fesica Confsal Alfredo Mancini – generazioni”.