Autostrade. Toninelli. “Alcuni piloni della A24 e A25 sono in condizioni allarmanti”

586

Agenpress – “Alcuni piloni dei viadotti della A24 e A25, che ho potuto visionare con i miei occhi, sono in condizioni così degradate da risultare allarmanti. Useremo per i monitoraggi strumenti di alta tecnologia quali sensori e droni”.

Lo ha detto il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, lanciando l’allarme sulle condizioni dell’Autostrada dei Parchi che collega Lazio e Abruzzo.

“A fare le ispezioni saranno tanti giovani ingegneri che, grazie alle assunzioni disposte dal decreto Genova finalmente torneranno a popolare il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e gli ridaranno quel ruolo che avrebbe dovuto avere anche negli anni passati: vigilante attivo e garanzia di ultima istanza della sicurezza delle nostre infrastrutture” ha aggiunto il ministro.

Immediata la replica della società concessionaria Strada dei Parch, secondo cui la A24-A25 “è sicura” e “quello che manca sono i decreti per sbloccare i fondi per la messa in sicurezza antisismica”. Strada dei Parchi “suggerisce la lettura del report redatto dopo i sopralluoghi avvenuti il 12 settembre e l’8 ottobre ed elaborato da un gruppo di specialisti che, su indicazione del ministero delle Infrastrutture e in base alla nuova normativa, ha effettuato controlli e sopralluoghi sull’intero tracciato, arrivando alla conclusione che ‘non è pregiudicata la stabilità e la sicurezza dell’opera nelle normali condizioni di servizio'”.

Quindi, aggiunge la società, l’autostrada “è sicura fatti salvi i rischi che possono derivare da eventuali eventi sismici, cosa che rende necessari e urgenti, come reiteratamente chiesto dalla concessionaria e certificato dallo stesso ministero, lavori per la messa in sicurezza antisismica”. Nel frattempo, sottolinea infine la società, “l’allarmismo ingiustificato ingenerato da parole irresponsabili e la comprensibile preoccupazione dell’utenza hanno fatto sì che negli ultimi giorni il traffico sull’autostrada sia diminuito del 7%”.